Destinatari del progetto sono uomini adulti detenuti presso la Casa Circondariale di Bologna, che possono fruire delle misure alternative alla pena e adulti segnalati dai servizi territoriali, che si trovino in situazione di disagio abitativo, economico, psicologico e sociale.

Il progetto ha i seguenti obiettivi a breve termine:

  • favorire l'utilizzo da parte dei detenuti delle misure alternative alla pena in ambiente familiare, sviluppando relazioni positive attraverso dinamiche estranee ai percorsi delinquenziali;
  • agganciare e sostenere gli utenti accolti sotto tutti gli aspetti della propria vita che vorrà condividere con gli operatori (lavoro, relazioni, affetti, alloggio).

Il progetto ha i seguenti obiettivi a lungo termine:

  • dimostrare la possibilità di abbassare il tasso di recidiva causata dalla mancata integrazione;
  • favorire la riflessione sul tema della sicurezza;
  • proporre un nuovo approccio all'esecuzione della pena.

Gli interventi hanno lo scopo principale di permettere agli ospiti di rafforzarsi e di ritrovare le risorse possedute, ma annullate dai percorsi di devianza e tossicodipendenza, per poterle utilizzare in un percorso di reinserimento economico e sociale. Ogni intervento sarà svolto nel rispetto dell'individualità e unicità della persona, con l'obiettivo di raggiungere l'autonomia.

La rete del progetto:

  • ASP Poveri Vergognosi
  • Servizi Sociali territoriali Quartieri di Bologna
  • Direzione della Casa Circondariale di Bologna
  • Ufficio di Esecuzione Penale Esterna (UEPE)
  • I servizi territoriali coinvolti nei progetti individuali

Segnalazione e criteri di accesso.
Con il coordinamento dell'équipe Adulti Comune di Bologna, si individueranno, su segnalazione della Direzione della Casa Circondariale di Bologna e dell'UEPE, alcuni detenuti che possano fruire delle misure alternative alla pena o in via di dimissione dal carcere, con l'obiettivo di un loro inserimento presso la struttura della Cooperativa Dai Crocicchi, secondo le modalità acquisite e attualmente utilizzate. I requisiti di esclusione saranno mantenuti invariati per quanto concerne i rapporti attivi con sostanze stupefacenti, la presenza di psicopatologie e la mancata autonomia fisica.

Riteniamo, infatti, che tossicodipendenti e persone con situazione psicofisica gravemente pregiudicata necessitino di un'adeguata cura, molto differente dalla proposta di lavoro relazionale del progetto.
Capienza massima di 4 posti + 1.

Durata permanenza
La permanenza presso il gruppo appartamento è di 6 mesi. Sono previste eventuali proroghe di tre mesi, fino ad un massimo di 24 mesi, concordate con il servizio inviante prima della scadenza del periodo ordinario.